Viaggi di Elena

È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria. (Voltaire)

Cuba come una macchina del tempo

cub 47

Cuba è sole, è salsa, è una pina colada sulla spiaggia bianca, è mare cristallino circondato da altissime palme.
Il paese latino baciato dal sole, abitato da persone sempre sorridenti è un luogo pieno di contraddizioni che scopriremo insieme in questo post.
cub 98

Quale il periodo migliore per partire?

Cuba è baciata da un bellissimo sole caraibico 330 giorni l’anno con una temperatura media di 25°.
Da maggio a ottobre le temperature sono più alte e grande protagonista è l’umidità.
Da novembre ad aprile abbiamo, invece, la stagione secca detta anche l’inverno cubano. Questo è il momento adatto per visitare il paese per chi non ama le temperature alte ed un alto tasso di umidità, come mia nonna ad esempio 😉
Infatti questo è il racconto del suo viaggio nei Caraibi e l’analisi del clima è proprio una di quelle cose da fare prima di scegliere una meta, ma di questo ne parliamo nell’articolo “nonni in viaggio per il mondo“.

Storia e Politica
m 3

L’isola di Cuba venne scoperta da Colombo il 27/10/1942 che la battezzò con il nome di Juana in onore del primogenito erede al trono di Spagna.
A Cuba troviamo ancora oggi una dittatura ben consolidata, un popolo solare nonostante la grande povertà e la mancanza di libertà.
L’apertura al turismo avviene solo negli anni ’90, l’embargo ha lasciato questo paese negli agli ’50.
Arrivare a Cuba è come scendere da una macchina del tempo, improvvisamente ti ritrovi indietro di 60 anni.
Le persone che hanno reso famosa Cuba sono Che Guevara che partecipò alla rivoluzione cubana e Fidel Castro rivoluzionario e politico.

Il governo offre, se così si può dire, molti supporti alla popolazione. La guida ha raccontato che vengono pagati per ogni persona due biglietti al mese per andare a teatro, medicine e visite mediche ed altri divertimenti.
s 37

Medicinali e salute
sc 7
Anche se la fotografia di questo uomo che fuma sopra alla carne che di li a breve verrà cucinata vi farà rabbrividire, non temete!

Non è necessario fare nessuna vaccinazione prima di partire, come sempre è importante stipulare una buona assicurazione sanitaria.
Dall’Italia la guida aveva consigliato di portare in valigia medicine da dare ai centri di raccolta cubani, ci spiegava che i dottori ci sono, ma mancano molte medicine.

Moneta
moneta-cubana
a Cuba troviamo due monete:
– Il peso cubano è la moneta ufficiale che usa la popolazione per comprare generi alimentari, pagare stipendi e poco altro ancora.
– Il CUC o peso convertibile è la moneta per i turisti. Ha lo stesso valore del dollaro americano e si usa per pagare il taxi, un panino al bar, ecc.

Cosa mettere in valigia
cub 53

La temperatura è decisamente piacevole grazie ai tantissimi giorni di sole caraibico che illuminano questa terra ogni anno.
Per il viaggio, fatto nel mese di marzo, è bastata qualche felpa di cotone, maglie a manica corta e pantaloni di lino o bermuda.
Prendete con voi scarpe comode, qui strade e marciapiedi sono dissestati e passeggiare a volte non è un piacere, spesso bisogna guardare a terra per non inciampare in qualche sasso alzato.
Non dimenticatevi le creme solari, anche se le temperature non vi sembrano altissime i raggi solari sono pronti ad ustionarvi. Evitate di comprarle sul luogo, tutti i cosmetici costano moltissimo.

I mezzi di trasporto a Cuba
cub 94

Oltre l’80% delle auto arriva dall’America, sembrano quelle del famoso film Grease, ambientato appunto nel 1950.
Auto di colori che non vediamo più, ormai troppo abituati a questo metallizzato, e vediamo procedere per strada carrette blu cobalto, salmone o giallo canarino.
Hanno perso la loro lucentezza, ma sono una caratteristica pittoresca.
Alcune sono in condizioni davvero pietose con decine di stuccature e pezzi arrugginiti.
L’odore che emanano quei tubi di scappamento è l’odore di Havana e se in un primo momento vi lascerà sconvolti non preoccupatevi, piano piano troverete il modo di apprezzarlo unito ad altre meraviglie che scorgerete per strada.
I mezzi di trasporto non sono solo vecchi, ma anche pochi.
Qui i lavoratori vengono caricati sui camion alla mattina e trasportati nei cassoni sul posto di lavoro.

Tutti in spiaggia!
La seconda parte del viaggio si passa presso l’Explora Resort Playa Pesquero di Guardalavaca.
In questo paradiso per turisti si dimentica la povertà che regna sovrana fuori da queste mura, qui si è accompagnati tutto il giorno da musica latina, frutta caraibica buonissima e mare cristallino.

ls 19 ls 29 ls 31

Prima che la nonna partisse mia madre ed io non ci dilungammo in molte raccomandazioni, la nonna è la generazione 1, da cui è nata la passione per i viaggi e quindi ci siamo solo limitate a dirle di non portare a casa un cubano, ma qualche sigaro cubano sarebbe stato di sicuro gradito 😉

E così è stato, abbiamo ricevuto il nostro bel sigaro, comprato qui dopo un lunghissimo impezzo.
cu 44

Ed infine lei, la nonna viaggiatrice, sulla destra con camicia bianca/blu!
Viaggio a Cuba dal 02/03/2013-17/03/2013, guarda l’itinerario di viaggio qui.

sc 34

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 marzo 2015 da in Senza categoria con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: